Prezzo valore per immobili all’asta: chiarimenti dall’Agenzia delle Entrate

Prezzo valore per immobili all’asta
Prezzo valore per immobili all’asta

L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 95/E del 3 novembre 2014, ha precisato che il contribuente può esercitare l’opzione del prezzo valore anche per un immobile acquistato prima della sentenza della Corte costituzionale n. 6 del 23 gennaio 2014, a condizione che si tratti di rapporti non “esauriti”.

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 2/2014, in aggiornamento alla risoluzione n.102/2007, ha recepito l’orientamento della Corte costituzionale, che con la sentenza 6/2014 ha esteso l’applicazione della base imponibile del prezzo valore anche agli immobili abitativi e relative pertinenze acquistati all’asta.

L’Agenzia delle Entrate chiarisce ancora che l’acquirente può esercitare l’opzione del prezzo valore anche per immobili acquistati all’asta prima del deposito della sentenza, a condizione che si tratti di rapporti non “esauriti”. Tuttavia, se l’atto di trasferimento è stato già registrato, il contribuente può esercitare l’opzione del prezzo valore  con un’apposita dichiarazione.

L’Agenzia, infatti, precisa che la richiesta dell’acquirente è necessaria  in quanto il regime del prezzo valore è opzionale. Su questo punto l’Agenzia stessa ricorda di aver già chiarito, con la risoluzione 145/2009, che la dichiarazione di voler fruire di tale opzione non può essere resa in un atto integrativo a posteriori, ovvero a un contratto di permuta già registrato senza la richiesta di applicazione del prezzo valore.

Può succedere, però, che la richiesta di applicazione del “prezzo valore” non sia stata formulata dal contribuente al momento dell’acquisto all’asta dell’immobile abitativo, in quanto non ancora prevista dalle norme vigenti in quel momento, più precisamente dall’articolo 1, comma 497, della legge 266/2005.

In questo caso, poiché l’assenza di tale richiesta non è imputabile al contribuente, questi può esercitare l’opzione per l’applicazione del “prezzo valore”, anche se l’atto di trasferimento è stato già registrato, producendo un’apposita dichiarazione da rendere nell’istanza di rimborso entro i termini previsti dall’articolo 77 del Tur.

NOTA

Per gli immobili abitativi acquistata all’asta la base imponibile è determinata sulla base del prezzo di aggiudicazione o dell’indennizzo riconosciuto, ai sensi dell’articolo 44 del Testo unico delle disposizioni concernenti l’imposta di registro (Tur).

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.