Mercato dei mutui: il profilo del mutuatario

Mercato dei mutui il profilo del mutuatario
Mutui per la casa

Segnali di ripresa del mercato del credito ed un lieve incremento della richiesta di mutui. La crescita economica nel settore immobiliare fa registrare un andamento positivo anche nelle erogazioni di mutui.

Il mercato dei mutui sta dando chiari segnali di ripresa, ormai da un anno la Banca Centrale Europea sta sostenendo l’erogazione dei mutui e, tra le manovre, la riduzione del tasso di riferimento, anche se il settore del credito resterà condizionato dalla stabilità politico-economica sia in Italia che in Europa.

In questo contesto, il Gruppo Tecnocasa ha elaborato un profilo del mutuatario che si riferisce ai primi sei mesi dell’anno in corso. Sotto la lente: finalità della richiesta di credito, tipologia, durata e importo medio.

Ferma restando una situazione economica un po’ più stabile e una maggiore flessibilità delle banche nell’erogazione, l’attuale mercato dei mutui è principalmente rivolto a cittadini italiani (nove mutui su dieci sono erogati a persone di origine italiana), per solo il 7,08 per cento a cittadini europei e per  il 2 per cento ad extra europei. La maggior parte degli stranieri non europei proviene, in ordine di percentuale, dal Centro e Sud America, Asia e Africa.

Dall’analisi del mercato dei mutui attuale si desume che gli istituti di credito del Nord Italia sono più propensi ad erogare mutui a cittadini non italiani, soprattutto nell’area Nord Orientale dove la densità dei cittadini europei è più del doppio di quella nazionale. Tendenza opposta al Sud, in particolare nelle Isole, dove i finanziamenti sono erogati quasi esclusivamente agli italiani. L’Italia Nord Occidentale può essere definita l’area più multietnica, quella centrale è a maggior densità di africani e centro e sud americani.

L’età media del mutuatario è di 38-39 anni, sempre stando all’analisi del mercato dei mutui svolta dal Gruppo Tecnocasa, soglia che si innalza a 40 nel Sud e Centro Italia, sulle isole la barriera supera abbondantemente i 41 anni. Il mutuatario più giovane risiede nel Nord Italia. La fascia d’età che richiede il mutuo è quella giovanile che va dai 18 ai 34 anni, seguita da quella del 35/44 fino all’età del pensionamento.

Infine, il profilo professionale del mutuatario è l’aspetto più importante. Ad influire, soprattutto, è la sicurezza economica, elemento fondamentale richiesto dagli Istituti di Credito. L’86 per cento del campione analizzato ha un lavoro a tempo indeterminato, il 7,8 per cento ha un lavoro determinato e solo l’1,8 per cento non ha un lavoro, i pensionati rappresentano il 4 per cento.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.