Casa vacanza: uno sguardo all’estero

Casa vacanza uno sguardo all’estero
Casa vacanza all’estero

Una interessante nicchia del mercato immobiliare quello delle case vacanze all’estero. Svizzera, Austria e Francia le località più ambite dalla clientela italiana e internazionale d’élite per una vacanza sulla neve.

Fra le località estere per la casa vacanza sulla neve, quelle più ambite dalla clientela di alto livello sono le Alpi. Un territorio molto vasto che copre 191mila chilometri quadrati e che abbraccia ben sette Paesi che attirano l’attenzione del 45 per cento dei compratori da tutto il mondo.

Da un’indagine effettuata da Saville (network immobiliare), le località più quotate in cui si preferisce acquistare una casa vacanza sono Francia e Svizzera che attraggono una clientela internazionale di alto livello seppur influenzate dalle situazioni politiche. La Francia, sempre secondo l’indagine, rappresenta il Paese che offre le migliori occasioni tenuto conto che nella parte francese delle Alpi si può contare su una stabilità ritrovata.

Altra meta di investimenti sicuri per l’acquisto di una casa vacanza è la Svizzera che detiene il primato di aver convinto gli sciatori asiatici, un mercato di nicchia capace di crescere molto velocemente. Rispetto ad altri Paesi, la Svizzera è da considerarsi uno dei paradisi invernali più popolari al mondo che richiamano l’élite internazionale appassionata non solo di sport invernali.

Fra le località sciistiche più frequentate della Svizzera ci sono Zermatt, Flims e Sankt Moritz che propongono ski pass settimanali che sono, però, i più cari in assoluto, talvolta, si superano anche 300 euro.

Anche l’Austria è fra i Paesi scelti per l’acquisto di una casa vacanza, spesso preferita per i costi più contenuti e la doppia stagionalità. Negli ultimi anni si è verificata una crescita del 2,25 per cento. La località più cara è Kitzbühel, più accessibili, invece, Zell am See, Bad Gastein e Sallbach.

Gli investimenti per l’acquisto della casa vacanza sono impegnativi se riferiti ad abitazioni superlusso. Sempre secondo Savills, si arriva a 34.200 euro per Courchevel 1850, si superano i 30mila euro per Gstaad e, nel caso di posizione unica, si va oltre +i 60mila euro al metro quadrato. Si spende meno nelle francesi Verbier e Méribel con, rispettivamente, 22.400 e 19mila euro al metro quadrato. Infine, a Kitzbühel in Austria la casa vacanza costa 15.900 euro al metro.

Una casa vacanza all’estero, però, si può acquistare anche a prezzi decisamente più abbordabili e in località non eccessivamente distanti da quelle più famose. È il caso di La Plagne in Francia (vicino a Courchevel) dove si pagano 4mila euro al metro quadrato; Ischgl, non lontano da Lech e St Gervais, tra Megève e Chamonix. Si sale a 8mila e 12mila al metro quadrato per Flims, Andermatt, Crans-Montana, Villars, Val d’Isère, Megève e Méribel.

Sono da tenere in considerazione anche i costi da sostenere per l’acquisto di una casa vacanza all’estero: le spese di transazione sono sostenute dal venditore e variano dal 3 per cento dell’Austria al 6 per cento della Francia. In Svizzera sono dell’1,5 per cento e per il notaio la spesa si aggira intorno all’1,2 per cento del valore della proprietà.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.