Ecobonus: agevolazioni fiscali per sostituzione di porte e finestre

Ecobonus agevolazioni fiscali per sostituzione di porte e finestre
Eurobonus per porte e finestre

Si può usufruire di detrazioni fiscali anche per la sostituzione di finestre, infissi, serramenti e porta blindata che rientrano tra gli interventi di riduzione del fabbisogno energetico.

Torniamo a parlare di ecobonus che riguardano tutti gli interventi di riqualificazione energetica degli immobili già esistenti. Tra le agevolazioni fiscali rientrano anche la sostituzione di finestre, infissi, serramenti e porte blindate. Per questi e altro, che vedremo in seguito, il contribuente potrà usufruire dell’ecobonus del 65 o 50 per cento della spesa sostenuta, dichiarandola nel modello 730 o Unico.

Per usufruire dell’ecobonus, però, bisognerà produrre una adeguata documentazione e possedere specifici requisiti tecnici. La sostituzione di finestre, infissi e porte blindate rientra nelle tipologie di interventi sugli involucri degli edifici che danno diritto all’ecobonus del 65 per cento per la riqualificazione e la riduzione del fabbisogno energetico nelle abitazioni. Fra gli interventi, anche l’installazione dei pannelli solari e la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale.

Per gli interventi sugli involucri degli edifici, il tetto massimo dell’ecobonus è di 60 mila euro. La detrazione fiscale consente di ridurre la percentuale Irpef (Imposta sul reddito delle persone fisiche) dovuta dal contribuente e della quale potrà usufruirne nei successivi dieci anni con rate di pari importo. L’ammontare complessivo, infatti, verrà ripartito in dieci periodi d’imposta nelle dichiarazioni dei redditi.

Un piccolo esempio: se i lavori sostenuti per la riqualificazione e la riduzione del risparmio energetico ammonta a 10 mila euro, al contribuente spetta un ecobonus del 65 per cento, pari a 6.500 euro. Per i successivi 10 anni, dunque, dalla dichiarazione dei redditi si potranno detrarre 650 euro

Va detto che si ha diritto all’ecobonus per la sostituzione di infissi, finestre e porte blindate solo nel caso di immobili già esistenti. La detrazione non spetta per interventi su immobili in costruzione. Al momento in cui si sostene la spesa di riqualificazione, l’immobile deve essere accatastato o con una richiesta di accatastamento in corso.

Per usufruire dell’ecobonus, inoltre, l’immobile di cui trattasi, dovrà essere dotato di un impianto di riscaldamento. La sostituzione di finestre, infissi e porte blindate dovrà portare ad indici di trasmittanza termica che comportano un risparmio energetico e deve delimitare un volume riscaldato verso l’esterno o verso vani non riscaldati.

Infine, per poter usufruire dell’ecobonus per la sostituizione di porte blindate, infissi e finestre, è indispensabile conservare la documentazione che certifichi la conformità ai requisiti richiesti, fatture dei fornitori, certificazione energetica e quant’altro si debba esibire in caso di futuri controlli.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.