Ecobonus 65 e 50%: prorogati per il 2015 dalla Legge di Stabilità

Ecobonus 65 e 50% prorogate per il 2015 dalla Legge di Stabilità
Ecobonus 65 e 50%

L’approvazione della Legge di Stabilità promette meno tasse per 18 miliari di euro e più risorse per gli investimenti e la ricerca. Ancora per un anno le aliquote ecobonus 65 e 50 per cento non scenderanno.

Resteranno invariate ancora per un anno le aliquote ecobonus del 65% per la riqualificazione energetica degli edifici e la detrazione del 50% per ristrutturazioni, mobili ed elettrodomestici. La Legge di Stabilità ha rimosso quanto stabilito dalla normativa vigente (art. 14 e 16 del DL 63/2013 e L.egge di Stabilità 2014).

Il premier Matteo Renzi ha spiegato che la manovra finanziaria vale complessivamente 36 miliardi di euro e 18 miliardi in meno di tasse. Secondo la decisione del Consiglio dei Ministri, dunque, la Legge di Stabilità sancisce che la nuova scadenza dell’ecobonus 65% è fissata per il 31 dicembre 2015 e riguarda sia gli interventi nelle singole abitazioni, sia per le parti comuni condominiali. La Legge di Stabilità 2014 conferma la validità della riduzione del 36 per cento del bonus dall’1 gennaio 2016 che per i condomini diventa 1 luglio 2016.

Sul fronte ristrutturazioni edilizie per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici, l’ecobonus del 50% varrà fino al 31 dicembre 2015. Per quanto riguarda la Legge di Stabilità 2015, però, un comma chiarisce che le spese di acquisto degli arredi saranno calcolate indipendentemente dall’importo dei lavori di ristrutturazione.

Negli ultimi mesi gli operatori del settore hanno fortemente richiesto di lasciare inalterate le aliquote del 65% e 50% visti i buoni risultati ottenuti in termini di investimenti, risparmio energetico e occupazione. La decisione è stata ben accolta ed ha avuto commenti positivi.

Stando agli ultimi dati, nel 2013 sono state inviate oltre 355 mila pratiche per usufruire delle detrazioni fiscali del 65% per la riqualificazione energetica degli edifici con un aumento del 35 per cento rispetto all’anno precedente. Per il risparmio energetico supera abbondantemente il 20 per cento così come gli investimenti. In crescita anche i nuovi posti di lavoro e gli investimenti dei privati.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.