Investire nei condo-hotel: la nuova formula d’investimento immobiliare

Investire nei condhotel: la nuova formula d’investimento immobiliare
Investire nei condhotel

Unire vacanze e investimento immobiliare si può grazie alla nuova formula condo-hotel che combina hotel e alloggi residenziali.

Quando si pensa ad una vacanza, è indispensabile cercare una sistemazione alberghiera e, se poi ci si è trovati bene nella precedente stagione, è automatico rivolgersi alla stessa struttura per gli anni a venire. Per abitudine e convenienza, dunque, si preferisce non cambiare e, così, quella camera d’albergo diventa una seconda casa.

A questo punto vale la pena pensare di acquistare una seconda casa o, meglio ancora, quella camera d’albergo che tanto piace. L’investimento è sicuramente impegnativo ma la formula condo-hotel consente di realizzare il sogno di avere un punto fermo per le vacanza senza avere problemi di sorta.

La formula condo-hotel è molto diffusa, soprattutto, negli Stati Uniti dove ci sono hotel che hanno messo in vendita alcune stanze per finanziarsi. Ad acquistarle sono, sostanzialmente, privati che le utilizzano per le vacanze, con la possibilità per l’albergatore di affittarla ad altri clienti per gli altri periodi dell’anno. Particolare degno di nota è che il proprietario riceverà una percentuale delle entrare dall’albergo che le affitta.

In Italia è poco diffusa, si preferisce, qualora le possibilità economiche lo consentissero, acquistare una seconda casa. Va detto che la formula cond-hotel non è un investimento garantito, ma rappresenta una valida alternativa all’affitto breve che non offre la possibilità di usufruire dei servizi dell’hotel.

Il decreto Competitività (DL 91/14) ha inserito un articolo per la regolamentazione dell’attività dei cond-hotel specificando che si dovranno intendere come “esercizi alberghieri aperti al pubblico, a gestione unitaria, composti da una o più unità immobiliari ubicate nello stesso comune o da parti di esse, che forniscono alloggio, servizi accessori ed eventualmente vitto”.

Secondo l’articolo, dovrebbero essere Stato, Regioni e Autonomie locali ad individuare che ci siano le condizioni di esercizio dei cond-hotel e quelle necessarie per la rimozione del vincolo di destinazione alberghiera in caso di interventi edilizi sugli esercizi alberghieri esistenti.

In buona sostanza, i condo-hotel sono strutture che combinano l’albergo e la tipologia di alloggi residenziali o, meglio ancora, una sorta di condominio nel quale usufruire dei servizi tipici degli hotel. I cond-hotel, comunque, sono ben diversi dalla multiproprietà che negli ultimi anni ha mostrato di avere molti limiti.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.